logo CMA

HOME

 

Il Rifugio Timparossa è un piccolo gioiello incastonato nell’omonima faggeta.
Partendo dall’area di Piano Provenzana (circa 1810 metri slm, luogo in cui sarà possibile parcheggiare l’auto) si inizierà a camminare sulla colata lavica che, nel 2002, cambiò radicalmente lo scenario di quella zona che una volta era immersa in una rigogliosa pineta. Il sentiero è posto sulla variante 724A del Sentiero Italia, è ben tracciato sulla colata lavica ed è scandito dalle bandiere bianche e rosse del CAI. Vi troverete circondati da uno scenario davvero suggestivo grazie alle lave a corde e AA che in quegli anni ricoprirono l’albergo “Le Betulle”. Dopo pochi metri, infatti, ne osserverete le rovine sbucare fuori dal campo lavico. Si tratta di una salita graduale che vi porterà, dopo 2 km, nei pressi di Monte Nero. Da lì, il rifugio dista appena 1km in discesa. Dopo aver costeggiato un po’ il bosco, ci si immerge in una bellissima e fresca faggeta. Una volta giunti al rifugio potrete finalmente gustare il vostro spuntino in un luogo unico e silenzioso, disturbati solo dal fruscio degli alberi e dai suoni della natura. Si tratta di un bivacco sempre aperto, con tre tavoli panca all’esterno, una legnaia, un tavolo interno ed un barbecue e ricade nel comune di Castiglione di Sicilia. Per il rientro avrete due opzioni: ripercorrere lo stesso sentiero, oppure attraversare un breve tratto di faggeta per circa 200 metri, proseguire lungo il sentiero sulla colata lavica del 1923 e raggiungere la base di Monte Nero. Da qui vi basterà circumnavigare il cratere per ricongiungervi a quella parte di sentiero percorsa all’andata sulla colata lavica del 2002 che vi ricondurrà al punto di partenza.

Dettagli
Rifugio Timparossa - Sicilia